q
Benvenuti nel mondo del Falco Pescatore
Seguici sui nostri social
2013 |
40744
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-40744,eltd-cpt-2.2,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-3.3, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_with_content,width_370,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

2013

Project Description

Per il terzo anno consecutivo una coppia di falchi pescatori è tornata a nidificare nella zona delle Saline di San Paolo, in prossimità della foce del fiume Ombrone. Si tratta di un evento di enorme rilevanza scientifica visto che, prima del 2011, erano 42 anni che questi rapaci non si riproducevano sul suolo italiano.

Anche quest’anno i ricercatori hanno assisto negli ultimi mesi alla nidificazione di una coppia di falchi, alla schiusa delle uova e, recentemente, ai primi movimenti dei pulli. Grazie ad un sistema di videosorveglianza che controlla il comportamento dei falchi e quanto avviene intorno a loro
A nidificare ad Alberese è sempre la stessa coppia. Il primo anno (2011) si sono involati due giovani di cui uno a distanza di qualche mese è stato trovato morto in Gambia. Il secondo anno (2012) è nato un solo pulcino anche se le uova deposte erano due.  Quest’anno tre uova e due giovani (un uovo non si è schiuso).
Tre giorni fa c’è stato l’inanellamento e il battesimo alla presenza del presidente del Parco Lucia Venturi e del presidente di Federparchi Giampiero Sammuri. Presto i falchi, che si chiameranno Jean e Luc in memoria del compianto presidente del parco della Corsica Jean-Luc Chiappini (ucciso un paio di mesi fa da due sicari), dovrebbero involarsi e diventare autonomi.  Quest’anno il progetto prevede un nuovo step: la ricattura dei due giovani,  una volta acquisite buone capacità di volo, per fissare sul loro dorso delle piccole radio satellitari dotate di gps-gsm.

Project Details
Category

2013, All

Previous
Next